La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

RT @camcom_novara: 🌍 #Export provincia di #Novara 📈 Vendite all'#estero in aumento del +3,7% nei primi 9 mesi 2018 ✈ Ottima performance per…
#Contraffazione dell’#Euro in Italia: fenomeno in calo ma 2017 si chiude on sequestro record di monete https://t.co/v5kYGjbi06
#Cortedeiconti europea: “Investimenti in ritardo. Il settore dei #trasporti costituisce una delle basi dell’integra… https://t.co/WTfi6VKag6
Banca centrale #Cile: “Tasso d'inflazione entro il 3% nei prossimi 2 anni” https://t.co/AUhcUZN1SH

L'economia romena è cresciuta lo scorso anno del 7%, rispetto al 2016, il più grande progresso registrato dal 2008 ad oggi. Nel 2008, l'economia della Romania è cresciuta del 7,1%, in termini reali, rispetto al 2007. Secondo i dati provvisori dell’Istituto nazionale di Statistica, il PIL romeno (serie lorda) stimato nel 2017 è stato di

856,35 miliardi di lei, ai prezzi correnti, in aumento del 7% rispetto al 2016. Il valore del PIL in euro è stato di 187,46 miliardi di euro, al cambio medio annuale della BNR di 1 euro = 4,5681 lei. Hanno contribuito alla crescita anno su anno quasi tutti i settori economici, in particolare l’industria (+ 1,9%), con un peso del 24,2% e un aumento dell’8% in termini di volume di attività; la vendita al dettaglio e il commercio all'ingrosso, la riparazione di autoveicoli e moto, il trasporto e lo stoccaggio, gli alberghi i ristoranti (+1,6%) con un peso del 18,7% nella formazione del PIL e un aumento dell’8,4% in termini di volume di attività e l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca (+0,7%), con un peso più basso del 4,4% ma con una crescita significativa del volume di attività pari a +18,3%. La crescita del PIL del 2017 è principalmente il risultato di un aumento del 10,3% delle spese per il consumo finale delle famiglie che hanno contribuito con il 6,4% alla crescita del PIL e dell’aumento del 5,4 per cento degli investimenti fissi lordi con un contributo del 1,2% alla crescita. Un contributo negativo significativo alla crescita del PIL è stato registrato nelle esportazioni nette (-0,8%), a seguito della crescita del 9,5% del volume delle esportazioni di beni e servizi correlata a una maggiore crescita del volume delle importazioni di beni e servizi, dell'11,1%. (ICE BUCAREST)

 

 

EN IT