La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

RT @camcom_novara: 🌍 #Export provincia di #Novara 📈 Vendite all'#estero in aumento del +3,7% nei primi 9 mesi 2018 ✈ Ottima performance per…
#Contraffazione dell’#Euro in Italia: fenomeno in calo ma 2017 si chiude on sequestro record di monete https://t.co/v5kYGjbi06
#Cortedeiconti europea: “Investimenti in ritardo. Il settore dei #trasporti costituisce una delle basi dell’integra… https://t.co/WTfi6VKag6
Banca centrale #Cile: “Tasso d'inflazione entro il 3% nei prossimi 2 anni” https://t.co/AUhcUZN1SH

Pasquale Terracciano, concluso il mandato a Londra e da circa un mese Ambasciatore d’Italia a Mosca, rilascia, IN ESCLUSIVA, la sua prima intervista a Tribuna Economica. Italia e Russia sono legate da “uno storico rapporto di amicizia che non ha conosciuto battute d’arresto negli ultimi anni, pur caratterizzati da tensioni con il mondo occidentale e, almeno nel 2015-2016, da una congiuntura economica non propriamente favorevole”.

In effetti, “la fiducia delle imprese italiane nel mercato russo non è mai venuta meno: basti vedere l’incremento dell’interscambio”, specialmente nel settore manifatturiero e dell’agroalimentare. “Il mio obiettivo è contribuire a rafforzare le relazioni bilaterali in ambito economico e favorire un proficuo dialogo politico sui grandi temi di interesse comune. Senza trascurare le relazioni culturali che da sempre costituiscono uno dei pilastri piu’ importanti e solidi delle relazioni italo-russe”.  (Intervista pubblicata integralmente nell’edizione cartacea/digitale del 26 febbraio 2018)

 

Ambasciatore Terracciano, il suo insediamento a Mosca è avvenuto pochi giorni fa dopo aver concluso il mandato a Londra. Che cosa lascia, che cosa trova?

Volendo stilare un bilancio, il mio mandato a Londra puo’ essere inquadrato nella cornice della Brexit e del costante impegno del Governo italiano nel negoziato con le autorita’ britanniche per soluzioni costruttive che assicurino in via prioritaria la tutela dei diritti acquisiti dei nostri connazionali. L’attivita’ di public diplomacy e’ stata pure molto intensa, con oltre 150 eventi che hanno permesso l’apertura della sede diplomatica ad investitori ed imprenditori italiani volta a valorizzare le nostre eccellenze. Relativamente alla Russia, ho trovato un Paese in forte ripresa economica, ben disposto a rafforzare le relazioni bilaterali con l’Italia, sia dal punto di vista politico che commerciale e culturale. Il rapporto di amicizia che lega i due Paesi e’ ben noto e il mio principale obiettivo sara’ coltivarlo ed incrementarlo.

 

Sotto l’aspetto geo-economico, che cosa è oggi la Russia?

La Russia si presenta oggi con prospettive di crescita ancora maggiori rispetto al periodo pre-sanzioni, e questo è dovuto in parte al modo in cui ha reagito a queste ultime e in parte alle evoluzioni dello scenario geopolitico. La mono-tematicità della produzione e delle esportazioni del  Paese incentrate in larga parte sul settore energetico stanno progressivamente lasciando spazio ad una rinascita del mercato e dell'industria locale….

 

(Continua a leggere nell’edizione cartacea/digitale di Tribuna Economica)

 

   

EN IT